ACIDO IALURONICO: dall'estetica del viso alla salute delle articolazioni

ACIDO IALURONICO: dall’estetica del viso alla salute delle articolazioni

ACIDO IALURONICO: dall’estetica del viso alla salute delle articolazioni

L’acido ialuronico è una sostanza estremamente popolare oggi, soprattutto nell’estetica del viso e nelle procedure di mesoterapia. Inoltre, ultimamente, possiamo vedere che le procedure per l’iniezione di acido ialuronico reticolato per il riempimento delle rughe e l’ingrandimento delle labbra, i cosiddetti filler, hanno fatto un grande balzo in avanti. Secondo Wikipedia , i prodotti a base di acido ialuronico hanno una persistenza media di 6-9 mesi. In mesoterapia l’acido ialuronico non è reticolato e quindi la sua persistenza è al massimo di 1 mese.

Tuttavia, si sa meno sui benefici di questo acido per la salute di tutto il corpo, in particolare delle articolazioni, e sull’importanza dell’acido ialuronico per una mobilità indolore.

Acido ialuronico: benefici per le articolazioni

“Senza movimento, la vita è solo un sonno letargico”, ha detto Jean Jacques Rousseau. Come tutti i classici, affermava una verità generale valida di tutti i tempi. Camminando, ballando, correndo o semplicemente dondolando la gamba, seduti su una poltrona, ci muoviamo ogni giorno e la nostra mobilità è assicurata dalle giunzioni mobili delle ossa – le articolazioni. Nel caso di articolazioni sane, la pressione è distribuita uniformemente su tutta la loro superficie.

Ogni giunto è costituito dai seguenti elementi:

  • facce articolari delle ossa, ricoperte di tessuto cartilagineo;
  • capsula articolare del tessuto connettivo;
  • membrana sinoviale che riveste la capsula all’interno e secerne la sinovia (liquido sinoviale).

La capsula articolare è ricoperta dall’interno con una sostanza speciale chiamata membrana sinoviale. Questa membrana interna nutre la cartilagine e produce il “succo articolare”, il liquido sinoviale, che riduce il movimento di attrito alle articolazioni, proteggendole dall’usura. Quando la pressione articolare si riduce, la cartilagine assorbe il fluido articolare come una spugna e quando aumenta, la cartilagine rimuove questo fluido a seconda del grado di carico. Allo stesso tempo, il liquido sinoviale isola le superfici articolari l’una dall’altra, formando una superficie scivolosa. Un’articolazione sana “lubrifica” se stessa, quindi la forza di attrito in un’articolazione sana è 5 volte maggiore della forza di attrito del ghiaccio.

Le estremità ossee (epifisi) sono protette da una cartilagine ialina alta 3-5 mm che sostiene il ruolo di “guanciale protettivo”: la cartilagine assorbe carichi pesanti e movimenti improvvisi. La cartilagine articolare non è collegata al sistema di circolazione sanguigna, quindi non riceve nutrienti dal sangue. Per la cartilagine, la fonte di queste sostanze è il fluido articolare. Durante il movimento, le cellule della cartilagine assorbono i nutrienti necessari dal fluido articolare e cedono i metaboliti, quindi il movimento delle articolazioni illustra il vero significato della parola “vita”.

Ricorda gli astronauti che imparano di nuovo ad andare dopo lunghi periodi di volo in gravità. Ora è tutto chiaro perché sta accadendo.

La base della cartilagine articolare è la matrice (sostanza intercellulare) composta da un campo della rete di fibre di collagene. Nella matrice ci sono i condrociti, cellule che sintetizzano le proteine ​​per le fibre di collagene e il materiale strutturale per la base della cartilagine. La matrice è costituita da molecole molto grandi (proteoglicani) in grado di trattenere in gran parte l’acqua e quindi garantire elasticità e ammortizzazione in caso di urti. Allo stesso tempo, la matrice è ricca di glicosaminoglicani, acido ialuronico e condroitin solfato – componenti strutturali del liquido sinoviale.

Acido ialuronico: la presenza nel corpo umano

L’acido ialuronico si trova in molti tessuti del corpo umano: cartilagine, ossa, corpo vitreo, valvole cardiache, pelle e liquido sinoviale. Distende la pelle e i legamenti, mantiene l’elasticità della cartilagine e lubrifica le nostre articolazioni, essendo la componente essenziale del liquido sinoviale o articolare. Senza questo fluido, le nostre articolazioni non potrebbero funzionare. Un corpo giovane e sano produce da solo acido ialuronico . Ma invecchiando, il processo  di sintetizzazione nel corpo viene rallentato e quando ciò accade, notiamo problemi alle articolazioni e notiamo quelle rughe indesiderate – i primi segni di invecchiamento precoce.

All’età di 40 anni, la formazione del proprio acido ialuronico si riduce del 50%. All’età di 60 anni e oltre, il corpo produce solo il 10% della quantità richiesta.

L’acido ialuronico può contenere fino a sei litri di acqua per grammo. L’acqua non può essere compressa e l’acido ialuronico trasferisce questa proprietà alle articolazioni. L’acido ialuronico è responsabile della consistenza del fluido nei tessuti e cambia la sua viscosità in base all’azione delle forze meccaniche: il fluido si assottiglia in caso di maggiore sforzo, ma rimane abbastanza viscoso da non scomparire dalle articolazioni come l’acqua.

Leggi anche  ACQUA ALCALINA – caratteristiche e benefici vitali.

L’acido ialuronico e le cause della rigenerazione della cartilagine

Un problema importante della rigenerazione della cartilagine è l’insufficienza dei componenti strutturali necessari, causati da malattie o altri fattori, sopra menzionati. Abbiamo già stabilito che il tessuto cartilagineo non riceve nutrienti dal sistema circolatorio, ma dal fluido articolare, che assicura anche l’eliminazione dei residui dalle cellule cartilaginee. Se il corpo non ha abbastanza nutrienti, le cellule della cartilagine si seccano e muoiono gradualmente. La cartilagine danneggiata non può più svolgere la sua funzione di ammortizzazione e non può più garantire la mobilità articolare. Quindi, l’artrosi inizia a progredire.

Un componente importante della cartilagine è la condroitina. In parte, assicuriamo l’assunzione di condroitina dal cibo e viene sintetizzata solo nel corpo. La sua forma bioattiva è la condroitina solfato, poiché la condroitina può essere utilizzata nel corpo solo dopo la combinazione con il sale dell’acido solforico. Il condroitin solfato agisce come un magnete per il liquido. A causa della carica elettrica del legame chimico, trattiene grandi quantità di acqua nel tessuto connettivo e crea una sostanza gelatinosa in cui si trovano i condrociti.

L’acido ialuronico e la condroitina proteggono meglio le articolazioni insieme. Se queste sostanze vengono somministrate in concomitanza, agiscono sinergicamente, ovvero si completano a vicenda per garantire le funzioni protettive e nutritive dei tessuti cartilaginei e agiscono in modo molto più efficiente di ogni singolo componente.

acido ialuronico b-luron

Acido ialuronico e condrotina – complesso presente in B-Luron

L’acido ialuronico e la condroitina proteggono meglio le articolazioni insieme. Se queste sostanze vengono somministrate in concomitanza, agiscono sinergicamente, ovvero si completano a vicenda per garantire le funzioni protettive e nutritive dei tessuti cartilaginei e agiscono in modo molto più efficiente di ogni singolo componente.

A causa della struttura molecolare alterata, l’acido ialuronico in CHC non viene distrutto dalla somministrazione orale e rimane stabile. Da un lato agisce come una siringa, aumentando meccanicamente la quantità di acido ialuronico esogeno nell’articolazione e, dall’altro, attiva il processo di sintesi del proprio acido ialuronico (endogeno) nei condrociti come un catalizzatore. Allo stesso tempo, l’HCC agisce contemporaneamente su tutte le articolazioni, risultando quindi più vantaggioso rispetto alle forme iniettabili.

b luron
B luron

B-Luron è un prodotto classico i cui componenti e meccanismo d’azione corrispondono al principio di base della medicina ortomolecolare: “ripristinare e mantenere la salute modificando la concentrazione di sostanze che si trovano normalmente nel corpo umano, responsabili della sua salute”.

Riassumendo: “le giuste molecole nelle giuste quantità”.

Gli sviluppatori sono riusciti a combinare in un’unica combinazione sinergica i due elementi strutturali di base per il ripristino della funzione cartilaginea: condroitina e acido ialuronico. L’efficienza del complesso ottenuto è simile alle iniezioni intra-articolari con acido ialuronico, inoltre, agisce contemporaneamente su tutte le articolazioni.

B – LURON di Coral Club  è un integratore alimentare attivo basato sulla sua struttura, il complesso ialurone-condroitina (CHC), essendo un prodotto tecnologico innovativo, sviluppato dalla società tedesca Gramme-Revit GmbH, e ha lo scopo di stimolare la produzione di sinoviale fluido proprio, oltre a garantire il nutrimento e il ripristino del tessuto cartilagineo.

Trova QUI maggiori dettagli e consigli per B-LURON.

B-luron – vantaggi

Di conseguenza, la somministrazione di B-Luron è di notevole importanza per il corretto funzionamento delle articolazioni e la loro mobilità. Si raccomanda di somministrare una dose giornaliera di 30 ml di B-Luron (equivalente a 450 mg di complesso ialurone-condroitina) al giorno per un mese senza interruzioni. Sintomi visibili di sollievo non appariranno immediatamente, ma dopo aver raggiunto una certa concentrazione di acido ialuronico nell’articolazione alla fine della settimana 2-3. Ciò dipende dal grado di danno all’articolazione, dal livello di condroitina e dalla carenza di acido ialuronico. In breve, meno l’articolazione è interessata, prima si avvertirà il miglioramento e l’articolazione verrà ripristinata.

Nei casi più gravi, si consiglia di ripetere il regime di trattamento per ottenere il risultato atteso.

È importante che l’azione dello sciroppo dal gusto gradevole prosegua dopo la somministrazione, c’è una spiegazione logica: viene ripresa la sintesi del proprio acido ialuronico, il liquido sinoviale torna alla normalità e l’articolazione inizia a funzionare.

Per maggiori dettagli su B-luron, siamo sempre a tua disposizione! Puoi scriverci direttamente nella chat del sito.

E ricorda sempre: “Senza movimento, la vita è solo un sonno letargico” 🙂

 

Nota: materiale realizzato con il supporto informativo dei materiali informativi ufficiali del Coral Club.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *